Filtro Residui di droga con il filtro Black Berkey®

Antibiotici, antinfiammatori, antitumorali, antidepressivi, pillole contraccettive sono alcuni dei farmaci che ora si trovano residui nelle acque dell'ambiente naturale. Sono quasi 4.000 molecole di farmaci identificati che probabilmente finiranno nel tuo bicchiere d'acqua ...

La Francia è il quarto consumatore globale di droghe! E se i francesi acquistano tanto, è perché consumano altrettanto. Tuttavia, questi farmaci non sono completamente degradati dal corpo dopo il loro assorbimento. I residui che passano attraverso feci e urine si trovano in definitiva nelle acque reflue che gli impianti di trattamento non sono in grado di trattare perché non equipaggiati per queste molecole. A questo vengono aggiunte le migliaia di tablet che alcune persone gettano nel lavandino o nel gabinetto.

Impatti sull'ambiente naturale e sulla salute

Nelle acque superficiali, tanto quanto nelle acque sotterranee, questi residui si accumulano. A rischio di consumare involontariamente questi farmaci e, di conseguenza, assorbire ingredienti attivi indesiderati, anche se si trovano a basse dosi, viene aggiunto l'effetto cocktail che non siamo in grado di qualificarci. In effetti, la miscela di queste sostanze con altre già presenti come residui chimici o pesticidi, costituisce un vero pericolo di cui non conosciamo gli effetti, né a breve termine né meno a lungo termine.

A questo si aggiunge il problema dell'antibiotico dei batteri messi in modo prolungato con residui di antibiotici. Le conseguenze a medio termine possono essere drammatiche se alcuni ceppi di batteri patogeni diventano resistenti agli antibiotici che vengono utilizzati in tempi normali per trattare le patologie che lo richiedono.

Esistono troppe ricerche ed è molto difficile ovunque chiarire la situazione in quanto il lavoro è gigante il laboratorio?

Oggi non esiste alcuna regolamentazione che richieda la verifica dei residui di droga nell'acqua potabile. Basti dire che il soggetto è lungi dall'essere risolto!

In attesa di creare una vera riflessione sostanziale, per convincere l'industria farmaceutica a integrare le conseguenze ambientali nello sviluppo di nuovi farmaci, per garantire che i medici forniscano solo la quantità o la dose necessaria e non intere scatole, parte delle quali non saranno Usato e lanciato, per comunicare sulla necessità di segnalare le estremità delle scatole nelle farmacie in modo che non finiscano nei lavandini o nella spazzatura, c'è una soluzione: bevi dall'acqua purificata da aSistema Berkey® !

I filtri dell'acqua Berkey® con il loroFiltri Black Berkey®Consentire molti prodotti farmaceutici e interruttori del sistema endocrino come BPA, naprossina, octylphenolo, progesterone, THM e molti altri. Consultare le analisi seguendo questo link.